Categories

Iscrizione alla newsletter

We are in Social

NONA GIORNATA PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI, FEDERARCHITETTI LANCIA DA POTENZA IL DECALOGO SUL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA

Grande successo a Potenza per la “Nona Giornata Nazionale sulla Sicurezza nei cantieri”, svoltasi nella cornice della Sala Convegni Giustino Fortunato.  Punti di vista privilegiati ed assai diversi hanno reso interessante il confronto, proteso agli affinamenti delle “best practices” e degli interessanti sviluppi del dettato normativo.

L’adesione e la medaglia di rappresentanza del Presidente della Repubblica e del Senato, unitamente ad un messaggio di auguri per il successo dell’evento, a cui si sono aggiunti quelli della Presidenza del Consiglio,  hanno sostenuto la manifestazione nello stesso giorno dell’insediamento del nuovo Parlamento.  

Aprendo i lavori, il Presidente Federarchitetti, arch. Nazzareno Iarrusso, ha evidenziato “come i costi degli onorari dei professionisti debbano essere inseriti nei costi della Sicurezza, dando importanza non all’offerta più bassa ma alla qualità dei concorrenti coinvolti puntando così alla qualità del prodotto finale.” “Qualità della prestazione professionale e giusto compenso che danno luogo all’aspettativa di guadagno  tutelato dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo cui l’Italia aderisce” ha rimarcato il Presidente Federarchitetti che, per l’occasione, ha lanciato anche un  decalogo per sollecitare l’attenzione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro:

1) – far rientrare nei costi per la sicurezza, e quindi non soggetta a ribasso, anche gli onorari per CSP e CSE;

2) – affidamenti degli incarichi per CSE e CSP basati su metodi qualitativi dei concorrenti e non sull’offerta più bassa;

3) –  istituzione dell’Albo dei CSE e CSP presso il Ministero del Lavoro o del MISE;

4) – controllo sulla formazione e sui soggetti abilitati per renderla come vero momento di apprendistato e non come mero adempimento burocratico;

5) – riconoscere, ai liberi professionisti, la parte formativa inerente i Vigili del Fuoco sia per l’aggiornamento per la legge 818/84 che per il Dlgs. 81/08 e viceversa;

6) – obbligo di formazione, in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, dell’imprenditore o del soggetto responsabile dell’Azienda prima dell’iscrizione della stessa alla Camera di Commercio;

7) – finanziare, con le risorse del FSE, la formazione sulla Sicurezza anche per i liberi professionisti;

8) – far partecipare, alla “Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro”, istituita ai sensi dell’art. 6 del Dlgs n. 81/08, anche le Associazioni Datoriali dei liberi professionisti dell’area tecnica.

9) – negli uffici periferici delle ASL, preposti al controllo nei cantieri, favorire la presenza di dipendenti di area tecnica invece di quella sanitaria;

10) – promuovere nelle scuole la cultura della tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro anche attraverso l’alternanza scuola – lavoro.

Gli interventi dei relatori

Il Presidente dell’Ordine Architetti Gerardo Antonio Leon, nel suo intervento ha sottolineato che “quando si parla di cultura della sicurezza a volte sembra che si faccia  riferimento a principi teorici e astratti, ed invece si deve  pensare alla cultura della sicurezza come alla realizzazione di un sistema gestionale dal quale la sicurezza scaturisca come conseguenza  naturale e non come un valore imposto. La cultura della sicurezza si realizza attraverso proposte gestionali  concrete  quali  la  formazione intesa  come vero momento di apprendistato e non come mero adempimento burocratico, estensione della obbligo della  formazione agli imprenditori datori di lavoro che sono gli attori più importanti del sistema sicurezza aziendale, una valorizzazione anche economica del ruolo del coordinatore della sicurezza nel cantiere. Sicuramente il legislatore deve insistere ad equilibrare il sistema sanzionatorio con un sistema economicamente premiante per ogni attività finalizzata alla tutela del lavoro, ivi comprese  la formazione specifica sulla sicurezza dei tecnici e l’attività dei coordinatori, costo della sicurezza  che non può essere lasciata all’arbitrio del libero mercato.”

 “Patto per la Sicurezza”: un concetto espresso dal dott. Walter Rizzi,  responsabile progetti speciali Eni in Val d’Agri, il quale ha portato l’esperienza di una multinazionale, con 33.100 dipendenti sparsi in 58 Paesi, esponendo il problema della Sicurezza e salute sui luoghi di lavoro  che deve concretarsi attraverso proposte gestionali, tramite un’adeguata formazione, grazie alla valorizzazione culturale del lavoratore.

Tra le proposte concrete l’integrazione delle commissioni previste dal D.LGS 81/08 estendendole alle associazioni sindacali e ai professionisti della Sicurezza e la revisione del sistema degli appalti. Concorde il Presidente Federgeometri Mario D’Onofrio, nel ribadire come il “problema” della Sicurezza possa trasformarsi in “motivo” di vita quotidiana, al centro dell’attenzione non soltanto successivamente ai frequenti infortuni sul lavoro.

Enrico Stasi, Presidente Confedertecnica:  “Bisogna rispettare l’uomo e porlo al centro di ogni sua fase lavorativa, che è soprattutto una sua fase di vita”.

E sulla scia di tale eco Giuseppe D’Onofrio, Presidente Ordine Ingegneri, ha evidenziato come tutti gli attori coinvolti nel perseguire l’obiettivo “Sicurezza” possano e debbano dialogare tra loro, nell’ambito di eventi formativi di innovazione e divulgazione. Commovente, a questo punto dell’incontro, l’intervento del rappresentante ANMIL, che ha fatto rivivere il suo incidente sul lavoro (caduto da circa 15 metri di altezza mentre era al lavoro) ed quello di Laura Mongiello che ha raccontato l’incidente sul lavoro, avvenuto nella tarda sera del 26 febbraio 2018, che ha spezzato la giovane vita dell’operaio di 28 anni di Potenza, mentre lavorava ad un trituratore di rifiuti di uno stabilimento nella zona industriale di Tito Scalo. Non si può morire di lavoro perché il 40% delle pratiche di controllo definite dall’Ispettorato del Lavoro ha accertato irregolarità da parte delle aziende sottoposte a verifica. Esistono lacune nella filiera della sicurezza sui luoghi di lavoro che vanno individuate per evitare ulteriori tragedie, come l’assenza di una manopola di arresto del trituratore per la tritovagliatura dei rifiuti in cui il 28enne è rimasto incastrato.

Mario Ferraro, Componente Giunta ANCE, da tempo preoccupato del “Costruire in Sicurezza” ha puntualizzato come siano essenziali “Informazione ed Assistenza sui dispositivi di sicurezza, affiancata alla Formazione anche della parte imprenditoriale che non può esimersi dall’essere vicina ai cantieri e agli operai”. All’unisono l’intervento a seguire dell’avv.a esperta in Diritto del Lavoro ed in Diritto dell’Ambiente Cinzia Pasquale, Presidente della Camera Forense Ambientale, organismo nato nel 2015 con l’obiettivo di compiere, in sinergia con soggetti istituzionali presenti sul territorio, attività di ricerca, formazione, informazione, divulgazione scientifica nei settori delle politiche ambientali, culturali e paesaggistiche, con lo sfruttamento economico delle risorse naturali ed energetiche di cui la Regione Basilicata è particolarmente ricca. “Esiste un deficit formativo ed informativo, a fronte di una molteplicità delle fonti del Diritto e di una congerie di atti amministrativi che mal interpretano queste norme”.

Successivamente Calogero Lo Castro, componente di Giunta di Confedertecnica, a questo punto ha suggestivamente aggiunto “non è importante Il Viaggio ma La Meta, Lo Scopo. La Conoscenza degli obiettivi getta la possibilità di passi intermedi efficaci. “La Sicurezza” non è un termine astratto che scende dall’alto ma un bene Comune, un interesse collettivo la cui realizzazione parte dal basso. Essa deve essere condivisa, concertata: se non si coinvolgono tutti i dipendenti nell’obiettivo Sicurezza si crea semplicemente una scatola vuota, dotata soltanto di etichetta esteriore al posto del fiocco.

Danilo Lelli, vicepresidente dell’Ente Bilaterale del settore delle professioni E.BI.PRO., intervenuto attraverso un messaggio video, ha sottolineato che l’iniziativa sulla salute e sicurezza e certamente importante e va vista anche negli studi professionali. “C’è tutto il tema  dello stress da lavoro correlato – ha affermato Lelli – e del benessere del lavoratore che meritano un’attenzione particolare. Come sistema della bilateralità mettiamo a disposizione finanziamenti che coprono il 60 % delle spese necessarie alla formazione sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro e, qualora lo studio aderisca a tutto il sistema della bilateralità (includendo anche Fondoprofessioni) il rimborso può arrivare fino all’80 % della spesa formativa.

Apprezzzato l’intervento di Mario Cerbone, Ricercatore in Diritto del Lavoro dell’Unisannio, che ha disegnato con sapiente linguaggio giuridico il sinallagma contrattuale che consiste in “scambio di energie psicofisiche a fronte ed in cambio di un ambiente di lavoro sicuro”. L’imprenditore è tenuto ad adottare tutte le misure atte a tutelare le energie del lavoratore. Questi dovrà impiegare non già la diligenza “del buon padre di famiglia” bensì: diligenza massima, specifica.

In definitiva sia “dal basso”, dal vivo di ogni cantiere che “dall’alto” della lettura dei diversi testi normativi si è convenuto come “non si avvii un’attività d’impresa solo con l’avvio dell’attività burocratica”. “Partecipazione” e “Condivisione” da parte di tutti i soggetti coinvolti è condicio sine qua non per garantire l’effettività di ogni obiettivo, interesse e bene della collettività, tra cui quello della “Sicurezza”.

Giuseppe Piegari, dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, tra gli autori del testo unico Dlgs 81/08 ha concluso affermando che:

  • Il costruttore deve tener conto anche dell’uso non corretto… ma ragionevolmente prevedibile.

Le nostre città non sono più a dimensione d’uomo. Bisogna mettere al centro l’essere umano, la partecipazione collettiva… poiché “La Città”, come ogni realtà lavorativa, “è un tema complesso”. 

A conclusione dei lavori l’on. Serena Pellegrino si è soffermata sulla battaglia svolta in parlamento per far approvare l’equo compenso per le attività libere professionali mettendo a disposizione la sua vasta esperienza maturata nel ruolo ricoperto in parlamento.

La senatrice Paola Nugnes, attraverso un messaggio video registrato, essendo impegnata nell’insediamento del nuovo parlamento, ha affermato che “con la XVIII legislatura intendo occuparmi di più dei temi dell’architettura e della professione, senza tralasciare i temi a me più cari dell’ambiente e della gestione rifiuti.” In merito al tema della manifestazione la sen. Nugnes ha dichiarato che “si deve far molto sulla sicurezza nei cantieri e sul giusto compenso. E’ stato fatto moltissimo e non vi è dubbio che hanno contribuito queste Giornate Nazionali. Qualcosa, però, deve essere messo a punto anche a livello legislativo e su questo punto concordiamo perfettamente con la lettera di Federarchitetti quando dice che bisogna mettere al centro la qualità. Mentre tra gli architetti ed ingegneri questo è un concetto che si è fatto strada, purtroppo dobbiamo dire che, tra gli imprenditori e i committenti questo concetto stenta ancora a farsi strada e ancora per la scelta si fa riferimento al massimo ribasso. Noi siamo d’accordo che gli onorari per il CSP e CSE siano fuori dal ribasso poiché bisogna puntare sulla qualità e professionalità. Quindi, i corsi di formazione professionali, siano ben controllati e di altissima qualità. La qualità deve essere al centro dell’equo compenso poiché è un diritto sancito dalla Carta dei Diritti Umani. Dove non è rispettato un diritto – conclude la senatrice Nugnes – non ci può essere qualità.” 



Popular Posts

EDILIZIA SCOLASTICA: 1,058 MILIARDI PER ANTISISMICA
12 febbraio 2018
Le Giornate della Sicurezza, News
EDILIZIA SCOLASTICA: 1,058 MILIARDI PER ANTISISMICA
CONTRIBUTI PER OPERE PUBBLICHE: MESSA IN SICUREZZA DI EDIFICI E TERRITORIO
04 febbraio 2018
Le Giornate della Sicurezza, News
CONTRIBUTI PER OPERE PUBBLICHE: MESSA IN SICUREZZA DI EDIFICI E TERRITORIO
FONDI EUROPEI PER LA PROGETTAZIONE DI LABORATORI DIDATTICI INNOVATIVI
14 gennaio 2018
Le Giornate della Sicurezza, News
FONDI EUROPEI PER LA PROGETTAZIONE DI LABORATORI DIDATTICI INNOVATIVI
VERIFICA DELLA VULNERABILITÀ ANTISISMICA DELLE SCUOLE IN ZONA 1 E 2: PUBBLICATO IN GU IL DECRETO MIUR CHE DESTINA 105 MILIONI DI EURO
14 gennaio 2018
Le Giornate della Sicurezza, News
VERIFICA DELLA VULNERABILITÀ ANTISISMICA DELLE SCUOLE IN ZONA 1 E 2: PUBBLICATO IN GU IL DECRETO MIUR CHE DESTINA 105 MILIONI DI EURO
DIVERSE DETRAZIONI FISCALI SULLA CASA NELLA LEGGE DI BILANCIO 2018
07 gennaio 2018
Le Giornate della Sicurezza, News
DIVERSE DETRAZIONI FISCALI SULLA CASA NELLA LEGGE DI BILANCIO 2018
FEDERARCHITETTI: RIPRISTINARE VALIDITA’ POLIZZA SANITARIA INARCASSA ANCHE PER CHI NON E’ IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI
16 ottobre 2017
Le Giornate della Sicurezza, News
FEDERARCHITETTI: RIPRISTINARE VALIDITA’ POLIZZA SANITARIA INARCASSA ANCHE PER CHI NON E’ IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DEI CONTRIBUTI
AIUTACI AD AIUTARTI: ISCRIVITI O RINNOVA LA QUOTA DI ADESIONE A FEDERARCHITETTI
14 maggio 2017
Le Giornate della Sicurezza, News
AIUTACI AD AIUTARTI: ISCRIVITI O RINNOVA LA QUOTA DI ADESIONE A FEDERARCHITETTI
I LAVORI PRIVATI ALL’INTERNO DI UN CONDOMINIO: ADEMPIMENTI PREVENTIVI
03 settembre 2017
Le Giornate della Sicurezza, News
I LAVORI PRIVATI ALL’INTERNO DI UN CONDOMINIO: ADEMPIMENTI PREVENTIVI
Federarchitetti è pronta ad organizzare volontari architetti ed ingegneri da inviare nelle aree colpite dal sisma
24 agosto 2016
Le Giornate della Sicurezza, News
Federarchitetti è pronta ad organizzare volontari architetti ed ingegneri da inviare nelle aree colpite dal sisma
ATTIVITA’ LIBERA O SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONE EDILIZIA PER GAZEBO, PERGOLATI E TETTOIE
15 luglio 2017
Le Giornate della Sicurezza, News
ATTIVITA’ LIBERA O SOGGETTA AD AUTORIZZAZIONE EDILIZIA PER GAZEBO, PERGOLATI E TETTOIE